mercoledì 1 luglio 2015

Intervista di Pietro De Bonis a Cristoforo De Vivo, autore del libro “Più che amici”.


Cristoforo De Vivo nasce a Caserta, è autore di poesie e racconti, un hobby che coltiva fin da bambino. Descrive in ogni sua opera l’amore, l’amicizia e i sentimenti che tutti noi viviamo quotidianamente. L'amore è qualcosa che se vuoi potrà farti trovare l'assoluto”, dice Cristoforo, “è ciò che sento e voglio esprimere in ogni storia da me descritta”. Ha pubblicato “Il caffè sospeso”, “Una fantastica storia”, “La città che non dorme mai”, e ultimo “Il ladro di stelle”, ePiù che amici”, di cui vi parleremo oggi.

Il libro: Storie di amicizie vissute al tempo della maturità,emozionante, travolgente, ogni avvenimento vissuto insieme sarà comunque bello e indimenticabile... Katia, una diciannovenne alle prese con la Maturità, non sa che cosa fare del proprio futuro e, cercando di studiare con i suoi amici per quel grande incubo che possono definirsi gli Esami di Stato, vivrà tante piccole avventure che forse -prima o poi- l'aiuteranno ad auto-appellarsi matura...
 



Pietro De Bonis: Ciao Cristoforo! “Più che amici” il tuo nuovo libro, cosa c’è più dell’amicizia?


Cristoforo De Vivo: Salve a tutti, rieccomi a voi con un nuovo ebook che narra l’amicizia, il sentimento più bello che va oltre l’amore, quando è vera dura per sempre.
Pietro De Bonis: Un romanzo che parla di un periodo che tu consideri il più bello della vita, ossia quello che gira attorno all’esame di maturità nelle scuole.
Cristoforo De Vivo: Sì, più bello perché dopo anni vissuti insieme, essersi conosciuti, frequentati, diventati amici, si affronta insieme la prima prova che suscita un’emozione condivisa.
Pietro De Bonis: Ci leggi un breve passo di “Più che amici”?
Cristoforo De Vivo: vi leggo un passo a mio avviso molto significativo:  
“Cinque anni fa non eravamo altro che quattro ragazzini impazienti di entrare nel mondo dell'adolescenza, ora siamo prototipi di donne e uomini alla scoperta della propria vocazione e del proprio futuro, nonché superstiti a quattro interminabili giornate di esami. Ora non abbiamo altro che l'inimmaginabile d'innanzi a noi e, finalmente, ho imparato ad accettarlo.
Io non ho idea su dove mi troverò domani, fra un anno o fra una vita, ma l'unica cosa di cui sono certa è che questi sono e resteranno per sempre i migliori anni della nostra vita.”
Pietro De Bonis: In realtà superare l’esame di maturità al liceo, alla fin fine c’entra poco con la maturità che si deve acquisire per le cose della vita, è così, Cristoforo?
Cristoforo De Vivo: A mio avviso non credo, come dicevo prima si condividono gli studi si approfondisce soprattutto cos’è l’amicizia, un valore che prima di tutto affonda proprio le radici  appunto sui banchi di scuola, prima ancora di introdurre il proprio percorso nella società e nella vita quotidiana.
Pietro De Bonis: Il momento storico che viviamo non è dei migliori, ma nonostante tutto non bisogna mai arrendersi e credere che prima o poi le cose miglioreranno. Anche questo comunica il tuo romanzo?
Cristoforo De Vivo: Certo, bisogna non solo sperare ma essere certi che questo periodo buio passerà, mettendoci anche del nostro impegnandoci a far sì che avvenga, in questa nostra società bisognosa di rinnovarsi.
Pietro De Bonis: Vedresti bene la sceneggiatura di “Più che amici”  per un film? Un tuo sogno il questo?
Cristoforo De Vivo: Bello, magari sarebbe un sogno che diventa realtà.
Pietro De Bonis: Nella copertina di “Più che amici” ci sono i tuoi amici?
Cristoforo De Vivo: Sì, sono tutti amici a cui è dedicata e ispirata la storia, siamo stati  anche compagni di viaggio di un percorso formativo frequentato che ci ha visto protagonisti insieme in una bella esperienza.
Pietro De Bonis: Grazie Cristoforo per questa intervista. Dove possiamo acquistare “Più che amici”? Hai in vista presentazioni?
Cristoforo De Vivo: In tutte le librerie online.




Nessun commento:

Posta un commento