venerdì 3 luglio 2015

Intervista di Pietro De Bonis a Michela Zanarella, autrice del libro “Nuova identità (Il segreto)”.


Michela Zanarella è nata a Cittadella (PD) nel 1980, è cresciuta a Campo San Martino (PD), dal 2007 vive e lavora a Roma. Ha iniziato a scrivere poesie nel 2004 e da allora ha pubblicato vari libri: "Credo" (2006), "Risvegli" (2008), "Vita, infinito, paradisi" (2009), "Sensualità" (2011), "Meditazioni al femminile" (2012), "L’estetica dell’oltre" (2013), "Le identità del cielo" (2013). Molte sue poesie figurano in antologie a tiratura nazionale, e sono state tradotte in inglese, francese, arabo, spagnolo, rumeno. Alla direzione della collana poesia ARTeMUSE, collabora con la rivista internazionale "Orizont Literar Contemporan", la rivista di letteratura "Euterpe" e "Poeti nella società", e da free lance con la Free Lance International Press. E' Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale “Le Ragunanze”, nonché responsabile della sezione musica di Flipnews. Per la narrativa ha pubblicato il libro di racconti "Convivendo con le nuvole" (2009) e da pochi giorni la biografia della cantautrice Linda d "Nuova identità (Il segreto)" con la Twins Edizioni, e proprio di quest’ultimo indovinate un po’ oggi vi parleremo.

 “Nuova identità (Il segreto)” è un romanzo potente e intenso sulla vita della giovane cantautrice Linda d, in cui l’autrice, Michela Zanarella, descrive con maestria le fragilità delle relazioni ed esplora con delicatezza i sentimenti umani e le ardue scelte che nascondono il segreto dell’esistenza. La storia di quell’istante in cui non importa più cosa è giusto o cosa è sbagliato. La storia di una giovane coraggiosa, di una ragazza speciale. La storia di abbandoni improvvisi e di un amore che non conosce né tempo né ostacoli. Perché a volte l’unica cosa che conta è lottare per quello che si ama veramente.”
Pietro De Bonis: Ciao Michela! "Nuova identità (Il segreto)" il tuo romanzo appena uscito. Più esattamente, è la biografia di una persona vivente che stimi molto. Chi?

Michela Zanarella: Questo libro racconta la vita di una giovane cantautrice italiana, Linda d, che sta crescendo molto a livello artistico e ha già collaborato con artisti internazionali  come Lee John, Orlando Jhonson, Amber Dirks, Kurtis Blow, Eric Daniel, per citarne alcuni. Non è un percorso facile quello di Linda, ad un certo punto è costretta a fare delle scelte molto complicate che cambieranno per sempre la sua identità. La musica sarà la sua ancora di salvezza, e ogni piccolo traguardo sarà il frutto di una grande forza interiore. Quando viene a mancare la salute, non è facile agire e si è vulnerabili a tutto ciò che avviene attorno a noi. Ecco, io tento di dare voce ad un'esistenza coraggiosa, ho cercato di mantenere le volontà di una giovane donna di talento, che merita di essere conosciuta non solo per la musica, ma in particolar modo per la sua determinazione nella vita di tutti i giorni.



Pietro De Bonis: Quando vi siete conosciute tu e Linda d? Quando l’idea di raccontare e raccontarsi?

Michela Zanarella: Io e Linda ci siamo conosciute tramite Maurizio Verbeni, suo general manager, per motivi professionali. Ho iniziato una collaborazione di promozione delle attività di Linda come ufficio stampa. Linda l'avevo incontrata ad un evento a Genzano qualche anno prima e lì ho avuto modo di sentirla cantare. Ho sempre apprezzato la sua vocalità. L'idea di scrivere la sua storia è nata dopo qualche mese, fu Maurizio a parlarmi del progetto e anche una mia cara amica con cui collaboravo nell'ambito della promozione musicale, ci teneva molto alla realizzazione del libro. Le promisi che avrei portato a termine il racconto e che mi sarei impegnata a pubblicarlo tramite il mio editore. La mia amica dopo poco venne a mancare, e quel desiderio si fece sempre più concreto. Questo libro è anche un omaggio a lei, che aveva scelto di supportare Linda fin da subito. Sono iniziati così i primi colloqui con Linda, un confronto costante, per conoscere in dettaglio tutto del suo mondo, anche le cose più riservate. Non è stato facile e le difficoltà ci sono state, perché fare da filtro alle esperienze altrui è a volte rischioso, si può arrivare a toccare argomenti delicati. Ho cercato di mantenere un equilibrio di narrazione, il libro poi ha all'interno delle foto di Linda che appartengono proprio a ricordi del passato, al suo vissuto. Sono entrata in punta di piedi in questo mondo e non so se sono riuscita a farlo nel migliore dei modi, diciamo che ci ho provato. 



Pietro De Bonis: In “Nuova identità (Il segreto)” scrivi di ardue scelte che nascondono il segreto dell’esistenza. Spiegaci meglio.

Michela Zanarella: Scegliere è sempre complicato, ma è stata inevitabile la decisione presa per salvare la propria vita, l'amputazione di un braccio per continuare a vivere ed evitare le metastasi e le debilitanti chemio. L'amore per la vita, per la musica, hanno dato la forza a Linda di non perdersi d'animo, ed il segreto per la felicità è proprio questo, non arrendersi mai, nemmeno di fronte al male più grande. Linda ci insegna a non avere paura, a crederci fino in fondo, perché il solo fatto di esistere ci rende speciali.



Pietro De Bonis: Il giusto e sbagliato di ogni cosa, decade sempre quando entra in gioco il proseguimento della vita stessa?

Michela Zanarella: Alla fine ognuno di noi sceglie cosa è giusto e cosa è sbagliato secondo le proprie esigenze ed intenzioni. Siamo arbitri consapevoli della nostra esistenza. Quando c'è in gioco la vita, si guarda oltre e quel limite diventa sottile a tal punto che si fa quasi invisibile. Non so se al posto di Linda avrei avuto il coraggio di fare le sue scelte. Credo comunque che lei abbia dimostrato quanto amore ha verso la vita e questo è un grande dono che ha fatto a se stessa e alle persone che le stanno accanto.



Pietro De Bonis: Ci leggi un brevissimo passo del tuo romanzo?

Michela Zanarella: È nel destino di una bimba sorridere, ma io lo facevo a stento.
Mia madre sposò, in seconde nozze, mio padre, Vincenzo, un uomo che aveva avuto già diverse mogli e molti figli. Fino ai miei sette anni la famiglia era ancora unita, ma non certo felice e mio padre non era l’uomo che avremmo voluto che fosse. Si comportava molto male con mia madre e con noi piccoli e ho visto in casa cose davvero inquietanti, tanto che oggi molte le ho rimosse dalla memoria.”


Pietro De Bonis: Il destino delle persone è sorridere, Michela?

Michela Zanarella: Il destino delle persone credo sia cercare di vivere in armonia con se stesse e con il cosmo, è utile affrontare il dolore con il sorriso sulle labbra, per me è fondamentale essere positiva, sempre solare, anche nei momenti più cupi. La vita mi ha insegnato a trasformare ogni lacrima in gioia.



Pietro De Bonis: Durante la stesura di “Nuova identità (Il segreto)” hai avuto momenti in cui hai pensato di abbandonarla? Forse proprio qui, se di questi ne hai avuti, è tornato forte il concetto tuo in cui credi tanto e che proprio con questo libro vuoi trasmettere ai lettori: il non arrendersi davanti agli ostacoli che la vita ci riserva.


Michela Zanarella: Si, ho pensato più volte di abbandonare tutto, di interrompere la stesura, ero davvero in preda a enormi difficoltà, temevo di non essere all'altezza di un compito così importante, di grande responsabilità. Poi con calma, ho preso coraggio, come la nostra protagonista, ho cercato di non mollare, la vita riserva tanti ostacoli, ma non bisogna aver paura, Linda lo insegna bene a tutti noi. Questa storia meritava di essere raccontata fino in fondo.



Pietro De Bonis: Lottare per quello che si ama veramente, l’unica cosa che conta, ma anche solo capire chi o cosa amiamo veramente, a volte può risultare complicato?

Michela Zanarella: E' sempre complicato quando una parte di noi è costretta a fare delle scelte, sia in ambito affettivo, sia in ambito professionale, l'unica certezza che abbiamo è che nessuno meglio di noi, può sapere cosa vuole veramente. Capire il nostro ruolo nella società, la nostra identità, è una continua ricerca dentro e fuori, è un viaggio nell'anima, nel corpo e nella mente.



Pietro De Bonis: Grazie Michela per questa intervista, e grazie a Linda d per essersi voluta raccontare tramite questo romanzo. Dove possiamo acquistare “Nuova identità (Il segreto)”? Presentazioni in vista?

Michela Zanarella: Grazie a te Pietro, ti sono grata per avermi dato la possibilità di far conoscere il contenuto di questo libro, che ancora non ha visto un lancio vero e proprio, il libro è ordinabile nelle librerie Mondadori e Feltrinelli, oltre a tutti i digital store on line, presto inizieremo con le presentazioni a Roma e in altre città italiane, per questo vi terremo aggiornati appena definite le varie date.
Potete consultare il sito ufficiale di linda www.lindad.it e il mio sito www.michelazanarella.it . 







Nessun commento:

Posta un commento