lunedì 8 giugno 2015

Intervista di Francesca Saitta a Silvia Zucca autrice del romanzo "Guida astrologica per cuori infranti" (Casa Editrice Nord)


LE STELLE NON MENTONO, 
GLI UOMINI SÌ.
Uno dei privilegi dei book blogger è quello di poter collaborare con le Case Editrici (Un grazie a Casa Editrice Nord, a Barbara e Laura) e avere la possibilità di leggere in anteprima un libro (che già ti piace per quello che avevi letto nelle anticipazioni, per la copertina accattivante e il titolo che incuriosisce) e di poter anche intervistare l'autore. Questo, per fortuna e per passione, mi capita spesso. In questo caso il libro in questione è Guida astrologica per cuori infranti che esce oggi, in tutte le librerie italiane, verrà pubblicato in 15 paesi e probabilmente, sicuramente, lo vedremo anche al cinema. 

Il libro è un "romanzo" e non una "guida", lo specifico perché qualcuno potrebbe pensare che è solo legato all'astrologia, invece amore e astrologia si fondono in questa storia d'amore che vi coinvolgerà fino all'ultima stella, vi farà sognare e sentire in parte una "Alice" perché quello che capita a lei è capitato, ne sono certa, ad una buona parte di noi.  Perché come dice Alice non può succedere solo a "quella gran culo di Cenerentola". Verrete trascinati e ammaliati dal fascino di Davide e la simpatia di Tio (l'amico che ogni donna vorrebbe per sé). Insomma, non voglio svelarvi troppo perché dovete assolutamente leggere questo libro, sorriderete da soli tra le pagine, e quando tutti ne parleranno anche voi potrete dire: l'ho letto anche io e mi è piaciuto! 
Leggete l'intervista e ne saprete di più.

Il libro: Trent’anni passati da un po’, single (NON per scelta) e con un lavoro che offre ben poche prospettive di carriera, Alice Bassi accoglie la notizia del matrimonio del suo mai dimenticato ex come il proverbiale colpo di grazia. E, se non fosse ancora abbastanza, nella piccola rete televisiva per cui lavora arriva Davide Nardi. Fisico niente male e sorriso indecifrabile, Davide sarebbe il sogno proibito di Alice… se non fosse stato assunto come «tagliatore di teste». Insomma: non ce n’è una che vada per il verso giusto. Almeno finché Alice non incontra Tio, un giovane attore convinto di conoscere il segreto per avere successo: l’astrologia. Non quella spacciata sui giornali, ovviamente, ma una «vera» lettura delle stelle, che esistono proprio per segnalarci i giorni più propizi per la sfera professionale o per farci trovare l’anima gemella. Seppur scettica, Alice decide di provare e inizia a uscire con uomini dal segno zodiacale compatibile col suo. Ma, stranamente, l’affinità astrale non le impedisce di collezionare incontri sbagliati, delusioni terribili e sorprese ben poco entusiasmanti. Come non impedisce a Davide di diventare ogni giorno più attraente. E, a poco a poco, Alice scoprirà che forse il vero amore non è sempre scritto nelle stelle… 

Adesso alcuni cenni su l'autrice:
Laureata in letteratura inglese con una tesi sul teatro shakespeariano, e appassionata di narrazione nelle sue diverse forme, Silvia Zucca accompagna la scrittura con lo studio del cinema e della regia. È inoltre traduttrice letteraria (sue le traduzioni di Cinquanta sfumature di nero, di E.L. James, e dei primi due capitoli della trilogia Crossfire di Sylvia Day). Il suo romanzo d'esordio, Guida Astrologica per Cuori Infranti, pubblicato dalla Casa Editrice Nord è stato annunciato da La Repubblica come il romanzo più atteso dell'anno. 

Il romanzo verrà pubblicato prossimamente in 16 Paesi:  Spagna (Suma, Penguin Random House), Ungheria (Park Libri Kiado), Croazia (Fokus), Germania (Blanvalet Random House), Grecia (Patakis), Olanda (The House of Books), Brasile (Objetiva),Turchia (Dogan Kitap Egmont), Slovenia (UCILA), Francia (Albin Michel), Slovacchia (Fortuna), Serbia (Laguna), World English (Atria Books Simon and Schuster), Lituania (Baltos Lankos), Portogallo (Suma, Penguin Random House).

Silvia Zucca vive e lavora a Milano e, oltre alla scrittura, ama il ballo folk, i gatti, il vino, il cinema e le buone letture.

Per saperne di più, ecco il sito del libro: www.guidaastrologicapercuoriinfranti.it

Adesso vi lascio all'intervista con Silvia. Buona lettura!

Francesca: Il tuo romanzo "Guida astrologica per cuori infranti", una "vera" lettura delle stelle, una storia in cui amore e astrologia si mescolano. Oggi l’uscita in tutte le librerie, cosa stai provando Silvia?
Silvia: L’emozione è davvero a mille! E’ un po’ come stare sulle montagne russe, dove ti diverti tantissimo, ma hai anche paura. Vivo tutto, ogni emozione, estremamente amplificato. Per questo ho già chiesto scusa preventivamente a parenti e amici, perché l’isteria corre sul filo…

Francesca: «Guida astrologica per cuori infranti» racconta con brio e pungente ironia i successi e i disastri di una donna piena di vita, di contraddizioni, di speranze. Una donna come tutte. Ritieni proprio lo scrivere di persone "come tutte", il confrontarle con problematiche "come tutte", sia la chiave giusta per aver riscontri invece "come pochi" con i lettori? 
Silvia: In effetti mi piace molto quello che hai detto, è una definizione azzeccata. Alice non è una persona straordinaria, non ha tratti assoluti né in bellezza ne in bruttezza, così come i problemi che affronta sono quelli che tutte noi possiamo trovarci davanti.
Però quello che mi interessava (e ancora mi interessa di più quando scrivo) è trovare una voce accattivante per la protagonista, “un modo insolito di vedere il solito”, insomma, e di raccontarlo. Alice fa dell’ironia il suo stile, senza la sua voce non credo che il romanzo avrebbe riscosso lo stesso interesse.


Francesca: Come è nata Alice? e quando c’è di te in lei? 
Silvia: Alice è il frutto di tante relazioni fallimentari, quando non ce la fai proprio più a soffrire per amore, quando stai alla canna del gas e neppure ore di download-terapia con le amiche hanno più alcun effetto sulla catatonia dei sensi, allora inizi a pensare a tutto ma proprio tutto per darti una spiegazione del comportamento di quell’essere senza cuore che fino a qualche tempo prima hai chiamato fidanzato. Ecco che allora scopri che il fatto che sia del Toro potrebbe essere la causa della sua mancanza di comprensione nei tuoi confronti. Insomma, chi tra noi donne non ha mai, ma proprio mai fatto il calcolo dell’affinità di coppia col proprio partner? Ecco, mi è sembrato un ottimo spunto per costruirvi sopra un romanzo.
Alice ha diversi tratti che mi riguardano molto da vicino. Lavora in televisione, dove anch’io ho lavorato diversi anni, per esempio, ma soprattutto ha un modo di parlare e di pensare che sono molto vicini al mio. Anche io, nella vita di tutti i giorni, sono una persona molto ironica. Alle volte insopportabilmente ironica, perché perdere una battuta per me è una specie di delitto, e non riesco a fare a meno di farne anche nei momenti più delicati. Insomma, pure con le gaffe di Alice ho una certa affinità…

Francesca: Nel tuo romanzo Alice dice: "Ora posso dire di aver scoperto quant’è bello vivere il presente da protagonista” Qui dentro c’è anche la tua storia Silvia?
Silvia: Touché! Decisamente ho compiuto anch’io, pur se con esperienze diverse (e niente astrologia!) il percorso che Alice fa durante il romanzo. Mi piaceva l’idea di vederla crescere, cambiare, acquisire sicurezza e indipendenza anche dall’amore e dagli uomini.
Vivere il presente da protagonista non vuol dire soltanto avere successo perché si è fatto qualcosa che è stato apprezzato da qualcun altro, però, ma soprattutto tenere sempre a mente di essere preziosi, non nascondersi dietro a nessuna relazione, pur avendola magari. Bisogna camminare a fianco del proprio compagno, né dietro né davanti.


Francesca: Ad un certo punto del romanzo, non sveliamo molto, Alice dice ad un uomo “Sei uno stronzo. I segni zodiacali non c’entrano nulla”. Quante volte ognuna di noi lo ha detto. Mi sono ritrovata perfettamente in questo pensiero anche io. Cosa mi dici a proposito di uomini?
Silvia: Che il Principe Azzurro non esiste, ed è bene che ce lo ficchiamo in testa una volta per tutte. Siamo sempre alla ricerca dell’Uomo Giusto, di quella Perfezione di cui tanti libri ci parlano. Ma noi siamo le prime a essere imperfette, anche solo per il bisogno spasmodico di essere amate che tante volte è così forte e deleterio in noi da finire col farci mandare a gambe all’aria i nostri rapporti.
Io ho imparato (a mie spese, direi) che nessuno è il completamento di nessuno, così come per ogni storia non c’è solo la passione ma anche, e soprattutto la pazienza e la comprensione, che devono entrare in gioco. La vita a due non è uno scherzo, e più si va avanti con l’età e più le difficoltà si percepiscono. Smettiamo di cercare uomini perfetti che non esistono e cerchiamo di metterci in sintonia con l’altro.

Francesca: Sei l'entusiasmo degli Editor di tutto il mondo, il tuo libro, un caso editoriale senza precedenti, Quale trigono e costellazione astrologica hai seguito? Ambivi a questo successo personale?
Silvia: Be’ ovviamente uno lo sogna sempre che la sua opera venga accolta con tanto clamore, e che arrivi il successo e via dicendo… Ma crederci? È davvero un’altra cosa. Quando ho iniziato a scrivere Guida astrologica per cuori infranti, l’ho fatto soprattutto per me stessa. Avevo praticamente accantonato l’idea della scrittura, concentrandomi sulle traduzioni e cercando di farne il mio mestiere. Era un periodo particolarmente buio, con la crisi, la cassa integrazione prima e il licenziamento dalla TV poi. Avevo il TFR, ma non sarebbe bastato per sempre. Perciò mi sono data un tempo e un fine, provare a scrivere davvero come volevo fare, tirare fuori questo romanzo e vedere se qualcosa nella mia vita poteva migliorare. Mi sarebbe bastato anche molto meno, te lo devo dire. Ma ringrazio ogni giorno la mia buona stella per avermi suggerito di avere costanza e di portare a termine il tutto, nonostante le difficoltà.

Francesca: Sono stati acquistati i diritti cinematografici per un film che sarà, ne sono certa, un successo internazionale, una nuova Bridget Jones. Possiamo definirla così la tua Alice? Chi vedresti come attrice ad interpretarla? (a me piacerebbe una Charlize Theron) 
Silvia: Non posso che essere lusingata dal paragone con Bridget Jones, che ho amato profondamente sia come libro che come film. E se pensi che sono usciti praticamente una ventina di anni fa e che ancora vengono citati e usati come metro di paragone, be’, certo che non posso che augurarmi un destino simile sia per me che per Alice.
Oddio, io non ho mai pensato a Charlize Theron per interpretare Alice! Mi sembra troppo bella, troppo bionda, troppo appariscente e fuori da quella normalità di cui parlavamo sopra per farla, ma mai dire mai. In Italia, mi piacerebbe molto che a interpretarla fosse Caterina Guzzanti, invece, pur se è romana, mentre Alice è milanese… Spaziando all’estero, invece, mi piace molto Sally Hawkins, che forse è poco conosciuta qui da noi, ma che è bravissima.


Francesca: Il successo di un autore quanto dipende dal successo del suo agente letterario? Tu sei in squadra Ceccacci e devo dire che Laura è uno degli agenti più ricercati tra tanti autori. I segni zodiacali c’entrano qualcosa?
Silvia: Siamo entrambe Bilancia! Laura e io scherziamo spesso su questa cosa, scambiandoci opinioni e mandandoci i vari oroscopi che troviamo in rete per darci la carica. Lei e io siamo molto affiatate. Ma non solo, tutta la squadra della Laura Ceccacci Agency lo è. Ho stretto delle belle amicizie con diversi autori di Laura, come con Cristina Caboni (Garzanti), Mirko Zilahi de Gyurgyokai (Longanesi), Anna Chiatto (Piemme)…, e ci scriviamo e sentiamo spesso. Ci riteniamo una specie di famiglia letteraria ed è bellissimo. Non ci sono rivalità, solo fratellanze.

Francesca: Vuoi leggerci un breve passo del tuo romanzo che ami più di tutti?
Silvia:  


Francesca: Grazie di cuore Silvia per questa intervista. 
Silvia: Grazie a te, davvero. Mi sono molto divertita.


GUARDA IL BOOK TRAILER




1 commento:

  1. Su Amazon esiste una pubblicazione simile, L'AMORE DI GINA, molto simile a quella della Zucca: stessa protagonista trentenne, stesso amico astrologo, stesse storie d'amore vissute con segni zodiacali diversi, stessi insuccessi ed altro ancora. L'idea esiste già dal 2013. Comunque complimenti alla scrittrice e al suo successo !

    RispondiElimina