domenica 14 aprile 2013

Sintesi 15° settimana della Rassegna dei Libri

Cari lettori, da oggi, ad ogni post settimanale della Rassegna troverete una sintesi della settimana e delle mie impressioni.


Parto subito da una stella che brilla in classifica, con bei quattro libri in top ten, che è Papa Francesco. Una stella che non brilla solo in classifica ma in tutto il mondo, un’anima buona e bella che unisce tante vite e ci regala attraverso le sue parole la sua storia di uomo spirituale,
gli eventi che hanno segnato nel bene e nel male la sua vita fino all’incontro con la spiritualità.


Passiamo ad un altro attesissimo libro quello di Roberto Saviano che solo il giorno dell’uscita (5 aprile) ha venduto 16mila copie. Un vero reportage sull'industria criminale della cocaina. Se volete approfondire trovate le sue interviste nella 14° Rassegna dei Libri (sul Venerdì di Repubblica) e nella 15° su Grazia.
Altro ritorno nelle classifiche quello per Alessandro D’avenia con Bianca come il latte rossa come il sangue (Mondadori). Uscito nel 2010 Il libro è stato tradotto e distribuito in venti paesi, diventando così un best seller internazionale ed oggi, come sappiamo, anche un film.
Proseguiamo con Educazione siberiana (Einaudi) di Nicolai Lilin (anche questo un film di Gabriele Salvatores), in top ten da qualche settimana.

New entry dalla scorsa settimana, Quattro etti d’amore, grazie, di Chiara Gamberale (Mondadori) storia di due donne che spiando nei rispettivi carrelli del supermarket invidiano l’una la vita dell’altra. Ma sarà il destino a giocare con la sorte di entrambe. Trovate le interviste di Chiara Gamberale nella 13°, 14° e 15° settimana.

Tra le nuove uscite vorrei parlare del romanzo esordio di Diego Galdino Il primo caffè del mattino, una commedia romantica, edito da Sperling & Kupfer, in libreria dal 9 aprile.

Diego Galdino, classe 1971, nasce e vive a Roma. Ogni mattina, sveglia alle 5, Diego apre il suo bar in centro. Tra una tazzina di caffè e l'altra, conosce la gente e le sue abitudini, la vive e l'assapora proprio come lui vive la vita. Non si sa dove trovi il tempo per scrivere ma come dice lui è l’attività che, dopo shakerare, è la sua vera grande passione.

Sinossi: Massimo ha un bar in centro a Roma e non si è mai innamorato davvero. D’altra parte sta bene anche da solo, in compagnia dei suoi affezionati clienti con cui ogni mattina saluta la giornata tra rumore di tazzine, profumo di caffè e brioche, e pettegolezzi. L’ultima novità non è delle più allegre: l’anziana signora Maria, che da tempo non usciva più di casa, è morta nella notte. Massimo le portava il caffè ogni giorno: e adesso chi verrà ad abitare nel suo appartamentino sopra il bar? La risposta a questa domanda entra come una piccola furia nel bar in un giorno di pioggia: si chiama Géneviève, è francese, timida e bellissima, ed è una lontana parente della signora Maria. Peccato che… beva solo tè. Per fortuna l’amore non bada a queste cose…
 
Altra novità di Aprile il romanzo di Gregoire Delacourt “Le cose che non ho” (Salani) un grande successo letterario in Francia dopo L’eleganza del riccio (oltre 500.000 copie vendute)

Sinossi: Jocelyne ha una vita semplice, fatta di qualche sogno irrealizzato e di una quotidianità soddisfacente. Poi, un giorno, una vittoria alla lotteria fa cambiare tutto. Ma davvero in meglio? Dalla Francia il più grande successo letterario dopo L'eleganza del riccio, un romanzo vero, dolce e forte.

Potete approfondire la sua intervista su Vanity Fair di questa settimana dove troverete tutte le novità e tutte le recensioni dei libri.

Buona lettura a tutti, Francesca

Nessun commento:

Posta un commento