domenica 22 marzo 2015

Intervista di Pietro De Bonis a Simone Perrone, autore del libro "Spremuta d'arancia a Mezzogiorno".


Spremuta d’arancia a mezzogiorno è il ticchettio di una maturazione, l’evoluzione di una passione,  di una vita a cavallo tra due secoli che porta addosso i segni di un passato e di una terra di Sud ancora invasivi, ma che prova a sbirciare fuori per vedere cosa c’è oltre i mari. Il romanzo descrive senza linearità la crescita personale e intima di Carlo Barrassi, le piccole relazioni, i primi innamoramenti, la scoperta della sessualità e l’incapacità, a volte, di decifrare i sentimenti e le reazioni del corpo.Carlo scrive canzoni, poesie, scrive per essere e per diventare.


Ma le persone a volte tornano nella testa, come le belle frasi dei libri, come anche le canzoni, come Linda, e allora magari passi un giorno intero o tutta la notte a pensarci. Rita e i suoi occhi insanguinati dalle lacrime, la sera prima di tornare a casa, nella sua terra delle stelle.”

martedì 17 marzo 2015

Intervista di Francesca Saitta a Grazia Verasani, autrice del libro “Mare d'Inverno”. (Giunti Editore)


«Mi avvilisce» disse Vera senza guardarmi.
«Che cosa?»
«Pensare che non parleremo d’altro.»
«E di cosa parleremo?» le chiesi.

«Uomini, donne, sentimenti.»

Grazia Verasani (Bologna, 1964) ha pubblicato numerosi romanzi tra cui Quo vadis, baby?, dal quale Gabriele Salvatores ha girato l’omonimo film nel 2005 e prodotto la
serie tv Sky diretta da Guido Chiesa, e i noir Velocemente da nessuna parteDi tutti e di nessuno e Cosa sai della notte, con protagonista l’investigatrice privata Giorgia Cantini. È anche musicista e sceneggiatrice, ha collaborato con riviste e quotidiani e pubblicato racconti su varie antologie. Ha scritto opere teatrali come From Medea-Maternity Blues, rappresentata sia in Italia che all’estero, diventata un film pluripremiato per la regia di Fabrizio Cattani. E il monologo Vincerò sulla vita e la carriera di Luciano Pavarotti, interpretato tra gli altri da Michele Placido. I suoi romanzi sono tradotti in vari paesi tra cui Francia, Germania, Russia. Nel 2013 è uscita la raccolta di racconti musicali Accordi minori. 
Il suo sito è www.graziaverasani.it.

Rassegna dei Libri - 11° settimana - dal 12 marzo al 18 marzo 2015




F - N. 11 -  18 marzo 2015






lunedì 16 marzo 2015

Intervista di Pietro De Bonis a Tom Bilotta, autore del libro ”The Orange Hand", La mano arancione.

“Ricordatevi che tutto si può superare. Anche il problema che appare insormontabile, perché ogni vetta è lontana, soprattutto quando si inizia il cammino. Ma il sentiero per arrivarci c’è sempre: lo si può trovare, anche se con fatica, facendosi aiutare dalle persone amate.”

Tom Bilotta è nato a Bergamo il 31 Luglio 1983. Fin dalla tenera età coltiva la passione per la scrittura. Nel 2002 consegue il diploma di liceo classico e si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza a Milano. Cronista sportivo dal 2004, ha all’attivo esperienze di cronaca bianca e nera. Nel 2005 diviene giornalista pubblicista, nel 2007 accede al praticantato dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti. Nel giugno 2007 fonda e dirige, per ben sei anni, un mensile economico territoriale.  Dal 2012 si dedica solo alla scrittura  di romanzi, sceneggiature e libri storici.  Nel 2013 ha vinto il premio internazionale dedicato agli scrittori emergenti denominato “I nuovi autori” con l‟inedito “Biografia Arancio Sangue”, da cui è stato tratto “The Orange Hand”.

Intervista di Pietro De Bonis a Irma Panova Maino, realizzatrice dell’antologia “Amore e Morte”.

Da sempre l’amore è strettamente legato alla morte. Persino la nascita, gesto d’amore per eccellenza, è un atto destinato a culminare con la morte. Entrambe le manifestazioni costituiscono le basi dell’essere umano, dandogli quella concretezza e quella motivazione necessaria a renderlo mortale, volubile e ineludibile innanzi al destino. Nessuno può ribellarsi al fato ed esimersi, almeno per una volta nella vita, di esporsi all’una o all’altra. E, per quanto si possa credere di sfuggire all’amore, alla chiamata della morte non c’è speranza.”


Irma Panova Maino nasce nel 1964 a Praga. Fondatrice nel febbraio 2012 de “Il Mondo dello Scrittore”, ideato come gruppo facebookfin da subitosi è evidenziata la necessità di non circoscrivere tale vetrina solo al social network, ma di espandere la promozione anche in tutto il web. A marzodello stesso anno nasce così  il sito Il Mondo dello Scrittoread oggi, realtà e punto di riferimento per tutti coloro che vogliono promuovere le proprie opere, avere contatti più ravvicinati con il mondo dell’editoria.

“Amore e Morte” è l’antologia di cui vi parleremo oggi, raccoglie 15 migliori racconti pervenuti nel concorso Amore e Morteindetto da Il Mondo dello Scrittore in collaborazione con EEE (Edizioni Esordienti Ebook).

Intervista di Pietro De Bonis a Mirella M.P. Grillo, autrice del libro "Come essere assertivi".

La capacità di comunicare con gli altri in modo efficace e costruttivo è una competenza fondamentale per gestire le nostre relazioni quotidianeEssere capaci di comunicare in modo assertivo rende migliori le nostre interazioni con gli altri. Le competenze relazionali completano il profilo di chiunque si trovi a svolgere la propria attività lavorativa, e non, a contatto con gli altri, in un ambiente complesso dove le relazioni umane sono la principali risorse strategiche.


Mirella M. P. Grilloformatrice, traduttrice editoriale, nasce come giornalista per poi abbracciare la professione di mental-trainer. Specializzata nello speed-learning, lavora per case editrici e collabora con testate cartacee e non. Tiene conferenze, corsi e consulenze di comunicazione, ha all’attivo diverse pubblicazioni. “C.E.A. – Come Essere Assertivi” è il suo primo libro pubblicato con la casa editrice Eden Editori.